Yellow Factory (Ferentino) Urban Exploration ep.6

E siamo finalmente arrivati al secondo esperimento di Open Urbex.  Un bel viaggio fino nel Ferentino per ammirare il grande complesso giallo che si riesce a vedere dall’autostrada del sole, andando verso l’uscita omonima della località.

Un’ uscita mattutina piuttosto spettrale che ha molto del tipico gioco dell’ orrore: nebbia fitta, strade deserte ed abbandono incontrollato.

Il gabbiotto che serve per aprire i cancelli giace immobile con i suoi vetri rotti e ferraglie arrugginite, corroso dalle intemperie e dal tempo. Entriamo da un cancello laterale lasciato sbadatamente aperto,  trovandoci subito di fianco le case che probabilmente erano state un tempo assegnate agli operai dell’azienda.

Decidiamo di esplorarle per ultime e ci dirigiamo verso quella che sembra l’officina per i mezzi di trasporto della fabbrica. Ci colpisce subito la grandezza del luogo, nonché lo stato di conservazione molto buono generale.

I murales, come quasi in ogni esplorazione che abbiamo intrapreso,  sono presenti in grande quantità,  ma in questo complesso sono realizzati da mano esperta,  risultando una piacevole visione nell’imperfezione dell’abbandono.

Decine di capannoni,  corridoi,  scale e centinaia di oggetti accompagnano l’intera esplorazione che si rivela suggestiva e ricca di sorprese.

Non vi sto ad annoiare oltre con la descrizione perché non c’è n’è bisogno. Le immagini (questa volta avevamo una nuova Fotoreporter,  Caroline ,quindi abbiamo scattato molte più foto) parlano veramente da sole. Sappiate solo che le nuove “reclute”  degli Urbex Roma hanno saputo fare bene il loro lavoro, raccontando con le foto ed il video ciò che non si riesce a raccontare con le parole.

 

Alla prossima esplorazione!

 

Guarda le foto:

 

Guarda il video:



Speriamo che l’articolo vi sia piaciuto!

 

Gabriele,  Blogger Fotoreporter e documentarista.

 

Se volete aiutarci a crescere,  condividete l’articolo con i vostri amici!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *